Le Paste Artigianali di TerraNera

I prodotti TerraNera sono coltivati nelle campagne in agro di Zollino, in modo naturale, senza uso di chimica, nel rispetto della trazione e dell’ambiente. Da generazioni le sementi vengono tramandate per custodire la biodiversità Salentina, nel rispetto del passato, della tradizione, ma sempre con un pizzico d’innovazione.

PASTA CON I PISELLI DI ZOLLINO

I rinomati piselli di Zollino diventano pasta. Con la vita frenetica di oggi,  non tutti hanno il tempo di dedicarsi alla cucina così,  in 8 minuti di cottura si ha comunque la possibilità di inserire i legumi nella propria alimentazione. La farina di segale e la farina di  saragolla permettono di tenere bene la cottura e rendono la pasta digeribile e gradita anche a chi non è un amante dei legumi. Trecce e maccheroncini trafilati al bronzo, a lenta essiccazione, che con un condimento di verdure, si ottiene un pranzo completo e sano in un unico piatto.

PASTA A BASE DI CECI

I ceci bianchi diventano pasta insieme a segale e saragolla per un prodotto ricco di proteine e fibre, altamente digeribile, per palati più fini e ambiziosi. Penne, tubetti e rigatoni si abbinano benissimo al pesce o alle verdure e possono essere cotti direttamente nel condimento in giusto 6/8 minuti.

PASTA CON SEGALE

Fusilli, tortiglioni, tagliatelle e campanelle che si presentano in un tono più scuro,  trafilati al bronzo e di lenta essiccazione.  Possono essere serviti nei modi più svariati,  basta avere un po’ di fantasia!

I Legumi di TerraNera

I legumiTerraNera sono coltivati da Piero nelle campagne in agro di Zollino, in modo naturale, senza uso di chimica, nel rispetto della tradizione e dell’ambiente.

PISELLO NANO DI ZOLLINO

Una delle biodiversità salentine più ricercate per il loro inconfondibile sapore che,  ad ogni boccone, ci riporta indietro nel tempo. Si presentano come piccole palline di colore giallo paglierino che, messe in ammollo per 24 ore circa, aumentano di dimensione e in cottura rimangono compatte e non si sfaldano.

LENTICCHIE PICCOLE

Le lenticchie  non sono tutte uguali. Circa 10 anni fa, Piero ne ha prese diverse varietà autoctone e seminandole tutte insieme nello stesso campo, ha lasciato che la natura facesse il suo percorso, selezionando quelle che più si adattavano al terreno,  le più gustose, le più colorate, rosse ,verdi, marroni, macchiate, nere, ecc. Come tutti i legumi è importante un periodo di ammollo prima della cottura: è sufficiente mezz’ora, ma per avere un piatto ricco di vitamine e per abbreviare i tempi di cottura, Piero consiglia di tenerle in ammollo più a lungo.

CECI BIANCHI

Piccoli semi di colore giallo chiaro, la cui forma ricorda un cuore. Originari del Salento, la loro storia è  da attribuire ai coloni greci,  che insediati nel nostro territorio, portarono non solo una nuova lingua, il griko, ma  anche nuovi prodotti. Uno dei piatti tradizionali salentini con protagonisti i ceci bianchi è  la Ciceri e tria,  dove i ceci sono aggiunti ad un formato di pasta fatta in casa con semola di grano duro.

CECI NERI DI MURO LECCESE

Circa 15 anni fa, in un “furnieddhu”, all’interno di una bottiglia di birra, furono ritrovati dei semi sconosciuti che approssimativamente potevano avere circa 50 anni. Furono seminati sui terreni di Zollino e da quel momento si diffusero su tutto il territorio. I ceci neri sono ottimi da gustare in vari modi: uniti ad un’insalata di mare, come crema che fa da letto al pollo alla piastra, nelle zuppe di cereali e legumi, etc. Il cece nero, oltre ad essere particolarmente saporito, è anche un alimento ricchissimo di sostanze nutritive. È anche noto per le elevate quantità di ferro in esso contenute: tre volte in più rispetto alla carne!

La Pasta Artigianale di Salos – Fontanelle

Realizzata con la massima cura della qualità e con grande attenzione alla salute del cliente, la pasta delle Aziende Agricole Salos – Fontanelle è prodotta unicamente con le semole semi-integrali di grano duro Russello o di farro dicocco, cereali antichi coltivati nei nostri terreni, a Otranto, con metodo biologico.

La lavorazione della pasta è particolarmente attenta nelle fasi finali, dove il prodotto non è pastorizzato, ed è essiccato lentamente, a basse temperature, per 72 ore. Un modo per richiamare la tradizione della pasta fatta in casa, ma anche e soprattutto un modo per mantenere intatte le caratteristiche organolettiche delle farine (le alte temperature, infatti, contribuiscono alla perdita delle proprietà migliori).

La Radice di Luce

Intorno al 1920 il fondatore dell’antroposofia Rudolf Steiner descrisse la radice di luce come l’unica pianta sul pianeta avente la capacità di raccogliere e conservare l’ “etere di luce“ nella sua parte sotterranea in quantità così elevata.

Il suo nome  botanico è Dioscorea Batadas, pianta rampicante simile allo zenzeroavente la caratteristica di sviluppare radici di forma tuberosa, bianche internamente, fino ad un paio di metri di profondità.

Da millenni è utilizzata nella medicina tradizionale cinese per le sue molteplici proprietà terapeutiche: costituisce un ottimo anti-depressivo; se assunto regolarmente regola le funzioni digestive; agisce su reni e milza e ha una funzione tonificante sui polmoni; è un potente anti-infiammatorio e un ottimo cicatrizzante. Questi sono solo alcuni esempi delle numerose proprietà di questa radice, il cui aspetto più importante resta però la capacità di conservare l’ “etere di luce” restituendocelo mediante l’assunzione anche in quantità minime.

Questo prodotto rarissimo e pregiato viene coltivato nella nostra zona da Dario Specchia nella sua Azienda Agricola Dinamica Salentina nelle campagne di Galatone ed è grazie a lui disponibile per la consegna ogni martedì presso il nostro G.A.S.

Pappa reale, Propoli e Polline

Oltre ad essere specializzata nella produzioni di vari tipi di miele, l’Impresa Agricola apiaria Dr. Luca Circhetta produce anche pappa reale fresca, polline e propoli.

PAPPA REALE FRESCA

È dal cuore della Natura e dal magico mondo delle Api che arriva la Pappa Reale: concentrato di energia e salute, cibo prodigioso ed eccezionale ricco di sostanze vitali riservato esclusivamente ad un solo individuo dell’alveare: l’Ape Regina. È l’unico esempio al mondo in cui la qualità del cibo riesce a modificare la morfologia, l’anatomia e la fisiologia di un essere vivente; infatti la nutrizione continua ed esclusiva con Pappa Reale costituisce il fattore determinante della trasformazione sostanziale dell’individuo da Ape Operaia ad Ape Regina. 

La Pappa Reale si presenta come una sostanza semifluida gelatinosa di colore bianco avorio e dal sapore acidulo-pungente caratteristico (pH 3,5-4,5). La Pappa Reale è un cocktail di biocatalizzatori biologici ordinari: si tratta di un insieme Lipido-Glucido-Proteico; è un prodotto ad alto contenuto proteico e di amminoacidi. Ad oggi non si conosce ogni segreto nella sua composizione ma sicuramente contiene acidi grassi (ne contiene 31, saturi ed insaturi, e il 10-HDA è sicuramente il più importante e si trova unicamente nella Pappa Reale); zuccheri; oligoelementi ( calcio, potassio, fosforo, rame, ferro, zolfo, sodio, magnesio, zinco); vitamine (A, B1, B2, B5, B6, B12, C, D, E, biotina, l’acido folico, l’inositolo); ormoni; enzimi e fattori colinergici

La Pappa Reale è riconosciuta oggi come un vero e proprio concentrato di salute ed alimento che garantisce un benefico carico di energia con notevoli capacità biostimolanti. L’uso continuato la fa essere un ottimo stimolante, tonificante ed euforizzante generatrice di una sensazione generale di benessere a livello psicofisico. È un valido riequilibrante sull’umore ed è un buon rivitalizzante a livello nervoso e fisico dando vigore e tono all’organismo. Ha effetti positivi sul sistema immunitario e riequilibra il sistema endocrino. È inoltre consigliato l’uso nei casi di astenia, impotenza sessuale, invecchiamento precoce, depressione e sovraffaticamento. Riequilibra e stimola l’intero organismo soprattutto nei soggetti ipotonici, dà buoni risultati nella cura delle anemie, compensa eventuali carenze alimentari ed è un regolatore naturale dell’appetito. Grazie alla notevole presenza di vitamina B5 è un potente anti-età: è in grado di rafforzare il tono del muscolo cardiaco, riequilibrare la pressione arteriosa e rallentare gli effetti dell’invecchiamento della pelle. La componente più preziosa della Pappa Reale è l’acido 10-HDA che esercita attività antibatterica e antitumorale conferendogli l’appellativo di “cibo-farmaco” per le sue proprietà antibatteriche e antibiotiche unite a quelle rivitalizzanti e rinforzanti dell’organismo essendo un concentrato di sostanze vitali. 

La Pappa Reale non ha controindicazioni e può essere consigliata a tutti, bambini ed adulti, da assumere quotidianamente nella dose di 0,5 grammi (ovvero 2 palettine), possibilmente la mattina a digiuno posta sotto la lingua, per permetterne il migliore e più completo assorbimento. Un ciclo di cura dura almeno 3 mesi. Si conserva in frigo. Freschezza e salubrità del prodotto sono fondamentali. 

Devono fare attenzione e usare la Pappa Reale con cautela i soggetti che abbiano manifestato allergie per i prodotti dell’alveare

PROPOLI IDROALCOLICA

La Propoli è un prodotto strettamente legato alle Api; è costituita soprattutto da sostanze resinose che questi prodigiosi insetti raccolgono dalle gemme e dalle cortecce degli alberi (pini, betulle, pioppi, abeti, ippocastani, salici, querce, olmi) e che poi rielaborano all’interno dell’alveare. La propoli stessa è composta da resine e balsami al 50%, cera, oli essenziali, polline e materiale organico e minerale. La propoli è un prodotto derivato dalle api, dall’aspetto vischioso, dal colore scuro e dal sapore marcato, amarognolo e aspro. 

La tintura madre di propoli è una preparazione idroalcolica ottenuta per macerazione a freddo in solvente idroalcolico, ottenuta in questo caso dal prodotto fresco. Le api lo raccolgono appunto per la costruzione della loro casa-alveare, ovvero per sigillare e isolare da intemperie e da predatori, e per l’azione antisettica, nel senso che la propoli è utile per sterilizzare le cellette per la deposizione delle uova.  

La tintura madre di propoli, soluzione idroalcolica, ha ottime proprietà antisettiche, antibatteriche e disinfettanti. La tintura madre di propoli è nota per le proprietà cicatrizzanti, antiossidanti, immunostimolanti, anestetiche, antinfiammatorie ed è considerata un vero e proprio antibiotico naturale. 

Nella Propoli sono stati identificati più di 300 composti biochimici diversi e, nello specifico, è costituita da sostanze preziose come flavonoidi (che hanno potenti capacità antiossidanti), oli essenziali, vitamina C, vitamina E, vitamine del gruppo B (B1, B2, B6) e PP, enzimi, alcoli, terpeni, amminoacidi, chetoni, steroli e polisaccaridi, e da una specie di antibiotico naturale, chiamato galangina, che he un’elevata funzione antibatterica. 

La tintura madre di propoli viene utilizzata per la cura naturale di quei disturbi relativi al cavo orale come mal di gola, tosse, stati infiammatori di lingua o gengive, malattie da raffreddamento accompagnate da disturbi dell’apparato respiratorio e altre infiammazioni. Grazie alla tintura madre di propoli si vanno a contrastare anche funghi e virus, in particolar modo di pelle e mucose, come l’herpes simplex, dermatiti, psoriasi, eczemi, ustioni, punture di insetti o ferite. 

Se ne usano dalle 5 alle 30 gocce due o tre volte al giorno, a seconda dei casi, dopo aver agitato bene il prodotto. Le gocce si possono assumere direttamente oppure nei casi da costipamento su un cucchiaino di miele. Si conserva al riparo dalla luce diretta a temperatura ambiente.  

Devono fare attenzione e usare la Propoli con cautela i soggetti che abbiano manifestato allergie per i prodotti dell’alveare.

POLLINE MILLEFIORI

Il Polline è un alimento vivo che agisce sull’uomo in due grandi contesti: la crescita e l’equilibrio organico. Il polline di fiori è una delle sostanze più ricche che la natura ci offre. Considerato da molti l’alimento più completo sulla terra in termini di gamma di sostanze nutrienti, si presenta come un alimento ricchissimo di elementi indispensabili all’organismo e quindi alla vita perché apporta ciò che momentaneamente può essere carente. Ecco perché il Consiglio Federale della Sanità tedesco l’ha ufficialmente riconosciuto come un medicinale. 

Inoltre costituendo la materia prima della pappa reale non stupisce che sia un alimento altamente energetico. È largamente utilizzato, all’interno dell’alveare, in miscela con il miele e la pappa reale per l’alimentazione delle larve e delle api giovani (da 1 a 25 giorni di età). 

In commercio si presenta come palline con guscio granuloso, dal profumo dolce e aromatico, molto simile a quello dei fiori, consistenza morbida e malleabile e dal colore che varia a seconda della provenienza delle specie vegetali dalle quali è stato raccolto. 

Ogni granello di polline è un’unità biologica che contiene tutto ciò che è necessario alla vita: acqua in percentuale che varia dal 12 al 20%; una grande quantità di proteine (in media il 20%), la maggior parte sotto forma di aminoacidi (21 dei 23 aminoacidi noti) tra cui molti di essi rientrano nella categoria degli aminoacidi essenziali; zuccheri in quantità del 15% (glucosio e fruttosio); lipidi (circa il 5%, contenuto variabile), la maggior parte dei quali sono acidi grassi essenziali, 70% alfa-linoleico (omega 3), 3-4% linoleico (omega 6), 16-17% monoinsaturi e saturi; sali minerali quali potassio, silicio, ferro, magnesio, zolfo, cloro, calcio, manganese, fosforo, rame; un gran numero di vitamine specialmente del gruppo B (B1,B2, B3, B4, B5, B6, B7, B8, B9, B9, B12) vitamine A, C, D, E, K, PP; enzimi, coenzimi, ormoni di crescita (estrogeni, androgeni, acetilcolina e altre sostanze ad attività antibiotica), pigmenti come carotinoidi, antocianine, ecc. 

Secondo i ricercatori presso l’Istituto di Apicoltura di Taranov in Russia il polline è la fonte più concentrata di vitamine presenti in natura in un singolo alimento.  In particolare può essere considerato un ricostituente generale soprattutto nei casi di eccessiva magrezza e deperimento organico. Ha un’efficace azione antianemica provocando un rapido aumento del numero dei globuli rossi e del tasso di emoglobina, ed è quindi particolarmente utile per i vegetariani che potrebbero andare incontro a una carenza non tanto di ferro quanto di vitamina B12 (che si trova quasi esclusivamente nella carne). In realtà, il polline d’api contiene più proteine rispetto a qualsiasi fonte di origine animale e più aminoacidi in confronto alle uova o alla carne di manzo. I due zuccheri monosaccaridi (glucosio e fruttosio) hanno forte capacità energetica e protettiva del cuore e del fegato. 

Per evitare l’acidità gastrica (non tutti gli organismi accettano il polline di buon grado) si consiglia di masticarlo a lungo o diluirlo aiutandosi eventualmente con una bevanda fresca o a temperatura ambiente (acqua, latte o succo). Il polline può essere consumato anche miscelato con del miele, della confettura oppure con dello yogurt. La quantità consigliata è di circa 15/20 g al giorno per un adulto (un cucchiaio da tavola raso) e 5/10 g per un bambino per una durata di 1-3 mesi. 

È raccomandato nelle convalescenze, agli anemici (anche per l’alto contenuto di rame), ai bambini, agli anziani, agli inappetenti, alle gestanti e allattanti. Il polline è considerato a tutti gli effetti un tonico ricostituente e rimedio  in grado non solo di donare vigore ed energia ma anche di combattere le carenze vitaminiche e gli stati di abbassamento delle difese immunitarie. Particolarmente utile poi per migliorare le funzioni intellettuali, si tratta infatti di un tonico anche per la mente. 

Ha doti antiossidanti che permettono di contrastare l’invecchiamento cellulare ma che sono ottime anche per la pelle e si possono sfruttare in caso di acne, eczemi, ecc.. Contribuisce inoltre a regolarizzare le funzioni intestinali, combattendo eventuali fermentazioni o altri disturbi a carico del colon grazie al fatto che promuove l’equilibrio della flora batterica intestinale. Riattiva anche il metabolismo del corpo e può essere un valido sostegno per chi è a dieta.  

Nella maggior parte dei casi, però, il polline viene consigliato a chi vive un momento di grande stanchezza dovuto magari a carenze vitaminiche o forte stress. Anche chi deve essere al massimo della forma intellettuale, ad esempio gli studenti sotto esame oppure chi ha un periodo di lavoro particolarmente intenso che necessità di maggiore concentrazione, lucidità mentale e memoria, può assumere polline o altri integratori naturali di simile effetto. Molto apprezzato anche dagli sportivi dato che si tratta di un alimento che fornisce una buona energia da spendere subito e visto che aumenta forza e resistenza. 

Il polline a livello commerciale si presenta sotto due tipologie: deumidificato e congelato. Il primo, quello deumidificato, si conserva a temperatura ambiente al riparo della luce solare diretta, invece il secondo, quello congelato, esclusivamente nel congelatore e per il trasporto è necessario assicurare la catena del freddo, al fine di evitare possibili alterazioni organolettiche.

 Freschezza e salubrità del prodotto sono fondamentali. 

Il polline presenta alcune controindicazioni, la più importante è senza dubbio quello di essere una sostanza potenzialmente allergizzante. Effetti collaterali che possono comparire in caso di reazione allergica al polline sono bruciore e pizzicore della gola e del cavo orale, gonfiore della lingua, congiuntivite, rinite, diarrea o altri spiacevoli disturbi, e nei casi estremi shock anafilattico. In questo caso interrompere subito l’assunzione. 

È fortemente sconsigliata l’assunzione nei soggetti allergici ai pollini

Il Miele

Tanti sono i tipi di miele in cui Luca, titolare dell’Impresa Agraria Dr. Luca Circhetta è specializzato: di agrumi, di sulla, millefiori di primavera ed estate, di ciliegio, di coriandolo, di cardo.

MIELE DI AGRUMI

Appena prodotto, quando si presenta ancora allo stato liquido, il miele di agrumi ha un colore molto chiaro, assumendo tonalità che vanno dal trasparente al giallo paglierino. Dopo la cristallizzazione, invece, tende al bianco o al beige chiaro. Questo processo, del tutto naturale e spontaneo, permette la formazione di cristalli di dimensioni varie in base alle condizioni di conservazione. A livello olfattivo, presenta il caratteristico profumo floreale che ricorda i fiori da cui viene prodotto, ma che si attenua con il passare del tempo, virando verso note più fruttate. Il gusto, molto dolce, con una gradevole punta acidula, ripercorre le caratteristiche del suo tipico profumo.

Antiossidante e antinfiammatorio, è una preziosissima fonte di energia (non solo per gli atleti) e può essere usato come sedativo della tosse e per contrastare raffreddamenti e sintomi influenzali. Il miele di agrumi, però, presenta anche delle peculiarità tutte sue. Esso ha un effetto rilassante e calmante e viene spesso consigliato per alleviare gli stati d’ansia e contrastare mal di testa e insonnia. Viene anche ritenuto che possa stimolare l’appetito, oltre ad aiutare la digestione dopo un pasto eccessivamente abbondante. Infine, gli vengono attribuite proprietà depurative dell’organismo, soprattutto se consumato prima dei pasti.

MIELE DI CILIEGIO

Tendenzialmente presenta una consistenza piuttosto liquida e un colore giallo paglierino, ma può variare da un color ambra chiaro fino a una tonalità più scura con riflessi rossastri. La cristallizzazione avviene lentamente, modificandone il colore fino a raggiungere una tonalità bianco-grigiastra. Essa dà origine a una massa pastosa, a cristalli fini. Il miele ha un sapore estremamente gradevole che ricorda il gusto della ciliegia, con retrogusti che rimandano al sapore  della mandorla amara.

Il miele di ciliegio ha ottime proprietà per il nostro organismo. È infatti un ottimo disintossicante e, grazie alle sue proprietà diuretiche, aiuta i reni nel processo di eliminazione delle scorie. Un’altra importante caratteristica, che condivide con ogni tipologia di miele, è l’essere una fonte immediata di energia, utile per supportare il fabbisogno energetico del nostro organismo. Inoltre, è ricco di vitamine e minerali ed è un ottimo ricostituente. Esercita una funzione antiossidante, proteggendo il nostro corpo dall’azione negativa dei radicali liberi e dall’invecchiamento precoce. Svolge un’attività antibatterica e contribuisce a contrastare le infezioni del tratto respiratorio: aiuta a ridurre il mal di gola, alleviare la tosse, stimolare l’appetito e a rafforzare il nostro sistema immunitario. Il miele di ciliegio può anche essere usato come cosmetico, in particolare come maschera di bellezza per la pelle opaca, a cui ridona luminosità e brillantezza.

MIELE DI CORIANDOLO

Il forte aroma speziato e il gusto del miele di coriandolo sono spiegati dalla presenza di una grande quantità di oli essenziali (ce ne sono più di 10 tipi solo in questo prodotto). Il colore scuro, invece, è conferito da un alto contenuto di oligoelementi, in particolare ferro, manganese e rame. Inoltre, la composizione chimica del miele include vitamine del gruppo B (B1, B2, B9, B6), PP e C.

Il miele di coriandolo non ha solo un gusto particolare, ma ha anche numerose proprietà curative e proprio per questo è spesso consigliato a coloro che amano i rimedi naturali. Ecco quindi per che cosa potrebbe essere utile: costipazione, gonfiore, flatulenza, gastrite e ulcere; aiuta la digestione ed è ricco di microelementi come ferro, rame e manganese; migliora la circolazione sanguigna; è fonte di antiossidanti; è un potente antibiotico naturale; dà sollievo dallo stress e dall’affaticamento cronico; stimola la memoria; previene la nausea; abbassa il colesterolo cattivo; regola i livelli di insulina; aumenta la potenza; ha un’azione antisettica, analgesica e broncodilatatrice.

MIELE DI SULLA

Un miele a rapida cristallizzazione, che forma cristalli medi o fini. Quando è ancora allo stato liquido, ha un colore che va dal trasparente al giallo paglierino, per poi virare al bianco-beige quando cristallizzato. Ha un sapore molto delicato, con note vegetali o con componenti fruttate.

Il miele di sulla ha un potere dolcificante inferiore a quello di mieli come l’acacia e ha una concentrazione molto alta di fruttosio. È anche ricco di ferro, rame, zinco, magnesio e manganese, il che lo rende un ottimo alleato per atleti e sportivi. Sono anche presenti vitamina A, C e alcune del gruppo B. Il miele di sulla apporta numerosi benefici al nostro organismo. Ha un effetto depurativo e disintossicante, oltre a essere una preziosa fonte di energia facilmente assimilabile. Gli vengono riconosciuti anche effetti diuretici e lassativi e se ne consiglia l’applicazione su brufoli e acne. Come tutte le altre tipologie di miele, infine, è particolarmente indicato per contrastare mal di gola e tosse.

MIELE DI CARDO

Come tutti i mieli è rinvigorente, antiossidante, antisettico, antibatterico, cicatrizzante e alcalinizzante: quindi rispetto allo zucchero non favorisce la carie e facilita la fissazione dei sali minerali nell’organismo umano. In più il miele di cardo ha proprietà digestive, stimola e disintossica il fegato, migliora la circolazione ed è un blando vasocostrittore.

Le proprietà organolettiche del nettare di cardo conferiscono al miele aroma e sapore deciso caratteristico: dolce con sentori floreali e retrogusto leggermente astringente. Il colore ambrato chiaro acquisisce sfumature chiare opalescenti con la naturale cristallizzazione a temperature più basse. E’ straordinario nel dolcificare il thè bianco e verde che ne esaltano l’aroma floreale-fruttato.

MIELE MILLEFIORI DEL SALENTO

Il miele millefiori del Salento è uno dei più comuni e più diffusi e sa conquistare tutti con il suo sapore delicato. Mai uguale a sé stesso, proviene da fiori di specie diverse e ogni vasetto è un estratto del territorio e della stagione in cui è stato prodotto dalle api. Il miele millefiori ha una grande ricchezza aromatica: è frutto dell’estro creativo della natura. È una tavolozza di tonalità e gradazioni straordinarie che possono regalare sensazioni ogni volta nuove e inattese. Anche il momento della raccolta influisce notevolmente sulle caratteristiche del miele: le piante da cui le api attingono il nettare subiscono continue evoluzioni di mese in mese e possono quindi aggiungere sfumature di gusto particolari in periodi diversi.

Il miele millefiori è ricco di nutrienti ed è un super alleato per combattere i mali di stagione. Inoltre, nutre capelli e pelle.

Impresa Agricola Apiaria Dr. Luca Circhetta

Luca e Daniela si occupano di apicoltura a Vaste. Nel loro apiario a ridosso del sito archeologico messapico del Parco dei Guerrieri, è bandito qualsiasi antibiotico o farmaco di sintesi. La produzione di miele monoflora e millefiori, pappa reale, polline e propoli segue semplicemente il ritmo naturale e biologico delle sue api.

Tanti sono i tipi di miele in cui sono specializzati: di agrumi, di sulla, millefiori di primavera ed estate, di ciliegio, di coriandolo e di cardo. Altri prodotti sono la propoli, la pappa reale e il polline.

L’impresa nasce dalla passione e dall’amore di Luca che, già durante il suo corso di studi in medicina delle piante, si era affascinato alle api quale speciale anello di congiunzione tra il mondo vegetale e quello animale, svolgendo il proprio tirocinio della Laurea specialistica all’Istituto nazionale di Apicoltura e acquisendo la qualifica di esperto degustatore di miele.

Nell’anno 2012, dopo la vittoria di un bando regionale che permetteva di svolgere attività di formazione ed educazione didattica ambientale, Luca e Daniela hanno iniziato un’attività di sensibilizzazione e di informazione dei benefici dei prodotti dell’alveare e di importanza dell’ape nell’equilibrio della biodiversità.

Nel 2013 l’apertura della loro attività di produzione di miele millefiori e monoflora, applicando sia tecniche di apicoltura stanziale che nomade durante la quale Luca e Daniela si spostano con le loro api di fioritura in fioritura alla ricerca dei luoghi più belli e incontaminati.

Il loro miele è prodotto con tecniche e materiali di apicoltura biologica ma hanno deciso di aderire al movimento Clandestino Genuino, ovvero al non ricorrere alla certificazione per permettere l’accesso ai loro prodotti a tutti, senza che diventassero estremamente di nicchia dati i costi onerosi di certificazione.

Luca negli anni continua a formarsi sia come produttore di pappa reale sia nella sua curiosità riguardo alla genetica delle api essendo iscritto  all’albo nazionale  di inseminatore artificiale di api regine. Con consapevolezza e coscienza continuano a fare il loro meglio per tutelare le loro famiglie d’api e a sostenere un’economia locale e di qualità.

Agricola TerraNera

I prodotti TerraNera sono coltivati da Piero nelle campagne in agro di Zollino, in modo naturale, senza uso di chimica. Da generazioni le sementi vengono tramandate per custodire la biodiversità salentina, nel rispetto del passato e della tradizione ma sempre con un pizzico d’innovazione.

L’azienda agricola produce legumi locali tra cui le rinomate varietà di pisello nano di Zollino e cece nero di Muro Leccese, le farine di grano Senatore Cappelli e di segale ( e delle paste molto particolari con i piselli di zollino, oppure a base di ceci o ancora con segale. Si ha l’imbarazzo della scelta nello scegliere tra penne, tubetti, rigatoni, trecce, maccheroncini, fusilli, tortiglioni, tagliatelle e campanelle.

Infine, uno dei prodotti più antichi del nostro territorio: lo zafferano. Da circa 6 anni Piero lo coltiva sui terreni di Zollino, dedicandogli passione e amore per un intero anno, fino al momento della raccolta manuale dei suoi numerosi e stupendi fiori, per poi estrarre gli stigmi presenti al loro interno.

Dinamica Salentina

Un’azienda agricola immersa nella campagna salentina, a Galatone in contrada Ortelle, dove il giovane Dario applica il metodo biodinamico utilizzando unicamente letame fermentato, macerati di ortica, propoli d’api e preparato 501. Le colture sono tutte coltivate a campo aperto senza l’utilizzo di serre. Inoltre viene effettuata l’opportuna rotazione del terreno e si attua la biodiversità delle colture.

Dario ci racconta che la sua azienda nasce  nei primi mesi del 2018 con il desiderio di proseguire la passione del padre Maurizio per un’agricoltura basata sul recupero di antiche pratiche contadine e su concimazioni naturali, sovesci e rotazioni.

Dinamica salentina produce verdure ed ortaggi di stagione, legumi locali e grani e la rara radice di luce, una pianta rampicante con radici di forma tuberosa da millenni utilizzata nella medicina tradizionale cinese per le sue molteplici qualità terapeutiche e perché costituisce un ottimo anti-depressivo. 

Sciacuddri Caseificio Artigianale

Il nome del caseificio artigianale di Mariangela e Antonio, nelle campagne tra Aradeo e Cutrofiano, prende il nome dal folletto dispettoso del folklore salentino che si diverte a intrecciare le code ai cavalli e nascondere gli oggetti.

Le circa novanta pecore di razza sarda si alimentano con erbe di campo nelle otto ore di pascolo giornaliero, oppure con foraggi appositamente coltivati dall’azienda. Avere un numero limitato di capi permette a Mariangela ed Antonio di garantire loro tutta l’attenzione e la cura necessarie, evitando ogni tipo di stress all’animale.

Il caseificio lavora solo latte di giornata e soltanto latte crudo che non subisce processi di pastorizzazione e non supera mai i 40° di temperatura, così che la flora microbica benefica resta ben viva ed efficace.

Tutti i formaggi di Sciacuddri sono prodotti secondo la loro stagionalità: d’estate viene prodotto solo il cacioricotta, mentre in inverno, autunno e primavera sono disponibili il primosale, la giuncata, la ricotta e il pecorino stagionato. I sapori sono ricchissimi e aromatici grazie alle erbe di cui si nutrono le pecore ed ai processi di lavorazione.